Loghi Istituzionali Comune di Roma Ministeri per i Beni e le Attività Culturali Casa delle Letterature

FILIPPO TIMI

Autore

Filippo Timi

Partecipa a:

20 MAGGIO LA DOLCE VITA - Inutilità riconquistate e frammenti necessari. Formidabili questi anni... parole e immagini intorno a Ennio Flaiano

Legge: E' amara a volte la dolcezza - Inedito

Di: Filippo Timi

BIOGRAFIA

Nato nel 1974 in provincia di Perugia, a Ponte San Giovanni, il suo percorso come attore inizia nei primi anni Novanta, quando con Dario Marconcini lavora al Centro per la sperimentazione e la ricerca teatrale di Pontedera, e prende parte ancora molto giovane a lavori di importanti autori e attori teatrali, da Cesare Ronconi a Robert Wilson, fin quando, nel 1996, avvia la sua collaborazione con Giorgio Barberio Corsetti nella compagnia teatrale da lui fondata. Attore di grande talento e potenzialità, eccentrico ma rigoroso, Timi ottiene nel 2004 il Premio Ubu come miglior interprete dell'anno under-30 per la sua partecipazione a numerosi spettacoli teatrali, tra cui Metafisico Cabaret, affermandosi velocemente nell'ambito del teatro di ricerca. Il cinema lo scopre nel 1999, tra i film interpretati: In memoria di me di Saverio Costanzo, Saturno contro di Ferzan Ozpetek, San Pietroburgo di Giuliano Montaldo e Signorina Effe di Wilma Labate, Come Dio comanda di Gabriele Salvatores, Vincere di Marco Bellocchio e La Doppia Ora di Giuseppe Capotondi.
Personalità originale e poliedrica, Filippo Timi si dedica parallelamente alla sperimentazione letteraria, imponendosi all'attenzione del pubblico con Tuttalpiù muoio, romanzo scritto a quattro mani con Edoardo Albinati, uscito nel 2006 per la Fandango, da cui Timi trae e interpreta anche l'adattamento teatrale, La vita Bestia, diretto da Corsetti per il teatro India di Roma. Nel 2007 pubblica ancora con la Fandango il primo romanzo da lui completamente realizzato, E lasciamole cadere queste stelle, mentre il 2008 è la volta di Peggio che diventare famoso (Garzanti) ancora una volta apprezzato tanto dal pubblico quanto dalla critica.

BIBLIOGRAFIA

Tuttalpiù muoio, Fandango 2006
E lasciamole cadere queste stelle, Fandango 2007
Peggio che diventare famoso, Garzanti, 2008

partners Mercedes-Benz Roma Zetema BNL Unicredit Banca di Roma Monte dei Paschi di Siena