Loghi Istituzionali Comune di Roma Ministeri per i Beni e le Attività Culturali Casa delle Letterature

ROCCO DE ROSA

Musicista

Rocco De Rosa

Partecipa a:

20 MAGGIO LA DOLCE VITA - Inutilità riconquistate e frammenti necessari. Formidabili questi anni... parole e immagini intorno a Ennio Flaiano

BIOGRAFIA

Il pianista e compositore lucano Rocco De Rosa, vive e lavora a Roma dal '95. La sua attività musicale si divide tra il lavoro di compositore in diversi ambiti artistici in particolare cinema (Moretti, Olmi, Reali, Miniero, Genovese, La Nubile, Astuti etc) documentari, televisione, teatro e danza. Come pianista dirige per molti anni il gruppo multietnico "Hata", un progetto nato in seguito alla pubblicazione nel 1996 del cd "Trasmigrazioni" curato dallo stesso De Rosa con Daniele Sepe e Paolo Fresu. "Hata" è anche il titolo del cd pubblicato nel '98, da cui la Putumayo World Music di New York ha scelto il brano "Malonghi", (scritto da Rocco De Rosa e cantato da Martin Kongo) per inserirlo nella compilation "One World, Many Cultures" dove sono presenti artisti quali Alan Stivell, Youssou N'Dour, Cheb Mami. Ziggy Marley Altre presenze in compilation internazionali sono nei cd "Mediterraneo" (2007) della portoghese Difference Music e "Italia" (2009) sempre della Putumayo.
Il suo penultimo lavoro "Rotte Distratte" della fine del 2002 ha rappresentato un ritorno alle sonorità e alla musicalità più strettamente legate alla cultura mediterranea attraverso un particolarissimo incrocio tra minimalismo, jazz e musica popolare. Con "Trammari" (2006) Rocco De Rosa prosegue nel suo percorso musicale che già in "Rotte Distratte" aveva subito una profonda virata verso sonorità prevalentemente acustiche e il "ritorno" a ritmi e a melodie che attingevano ad una sorta di "memoria sonora collettiva", arcaica e nello stesso tempo attuale, indissolubilmente legata al sud dell'Italia, alla sua cultura e alle sue tradizioni. "Trammari" rappresenta una ulteriore definizione della sua identità e della sua ricerca artistica. Le rotte adesso sono meno "distratte"e gli approdi dove fermarsi a riflettere o anche solo a "guardare" sono sempre più frequenti. Come in qualche misura suggerisce lo stesso titolo, è il mare in tutte le sue accezioni possibili l'elemento intorno al quale ruota tutto il lavoro.
Tanti anche gli ospiti che hanno voluto dare il loro prezioso contributo: Ralph Towner, Maria Pia De Vito, Daniele Sepe, Marco Siniscalco, Michele Rabbia. Nel cd è anche presente "Il giardino di Giovanni" (canzone scritta da Rocco De Rosa con Sergio Endrigo nell'89), un omaggio affettuoso al grande cantautore scomparso.
E' stato presente nelle edizioni del 2003, 2004 e 2006 di Letterature - Festival internazionale di Roma, commentando al pianoforte i testi letti dagli autori Paco Ignacio Taibo II, Hanif Kureishi, Colson Whitehead, Abasse Ndione, Richard Ford e Sandro Veronesi e dagli attori Paolo Bonacelli, Sandro Lombardi, Licia Maglietta, Valeria Golino e Isabella Ferrari.
Molto intensa l'attività di sonorizzazione al pianoforte di classici del film muto, da Chaplin a Shimitzu, in numerosi festival (Creuza de Ma, Napoli Jazz festival etc.) e spazi culturali (Istituto di cultura giapponese di Roma).

DISCOGRAFIA

1990 - Kufia, canto per la Palestina - ed. il manifesto
1994 - Officina - ed.Officina
1996 - Trasmigrazioni - ed. il manifesto/officina
1998 - Hata - ed. il manifesto /officina
1998 - Octofolium - ed. officina
1999 - Di pietra fragile - ed. officina
2000 - Disseminazioni.Silainfesta Live - ed. il manifesto
2002 - Rotte distratte - ed. il manifesto
2006 - Trammari - ed. il manifesto
2007 - One World, Many Cultures - AA.VV - Putumayo World Music - Usa
2007 - Medirerraneo - AA.VV.-Difference Music-Portugal
2008 - I viaggi perduti - AA.VV - ed. ilmanifesto
2009 - "Italia" - AA.VV - Putumayo World Music-Usa

partners Mercedes-Benz Roma Zetema BNL Unicredit Banca di Roma Monte dei Paschi di Siena