Loghi Istituzionali Comune di Roma Ministeri per i Beni e le Attività Culturali Casa delle Letterature

AMABILI RESTI

Inedito

15 GIUGNO DESTINO - Forme di vita: la scelta e il caso

Legge: Sapphire (Ramona Lofton)

Sono come quel libro che non ho letto
perché non so ancora leggere,
O non ancora così bene da poter leggere un libro intero,
cioè un libro da adulti.
Questo è un monologo; la mia lettera al mondo.
So quella poesia a memoria, vuoi sentirla?
Questa è la mia lettera al mondo che non mi ha mai scritto.
La semplice notizia che la natura ha dato con così tenera maestà
È la fine della storia, proprio lì
Dovresti essere un adulto per sapere che cos'è
Cioè, qual è la semplice notizia che ha dato la natura?
Cos'è la tenera maestà?
Potresti pensarci e ripensarci come su un problema di matematica
senza arrivare alla risposta.
So cosa mi piace: bamboline, libri colorati,
pattinare, andare in bici e le fiabe
Sai qual è la mia fiaba preferita?
La Sirenetta, ha abbandonato tante cose per l'uomo che amava.
Sono arrabbiata perché non sono mai riuscita a farlo io.
Sono arrabbiata perché nessuno ha mai saputo cosa mi è successo veramente
Quel giorno andavo da sola in bici per Spring Street.
Andavo veloce, più veloce e ancora più furiosa, come una ragazza scatenata che correva su
e giù con i capelli al vento
i capelli sparsi dietro al collo
Riesci a immaginartelo?
E la mamma non mi presta attenzione
visto che sono una brava bambina che non si allontana mai dal marciapiede
Quasi mai.
Faccio saltare giù dal marciapiede la vecchia Signora Jacobs quando sfreccio via
Per cena c'è, lo so già cosa, tutti i giorni
prima di andare a scuola chiedo alla mamma
cosa c'è per cena. A casa nostra,
a differenza di casa di May Jane, abbiamo i menù del giorno.
La mamma li segue abbastanza bene
Il menù di oggi era il mio preferito.
Avevo finito i compiti e per questo ero fuori che sfrecciavo in bici!
Pollo fritto, purè di patate, insalata e fagiolini
E per dolce? Perché non lascio che sia una sorpresa? Dice la mamma.
La mamma lavora per il fisco. Guarda, dice, è sempre un lavoro,
Un lavoro è un lavoro è un lavoro!
Non so cosa me l'abbia fatto fare
Me lo chiederò sempre
Ma mi chiedo anche se non l'avessi fatto
Non sarebbe successo? Ho deciso di fare qualcosa di diverso
Ora sono il lamento della mamma, una storia sul giornale, una tragedia
Solo per colpa di quell'uomo cattivo con il suo furgone bianco
Sono scomparsa.
Trascinata nel bosco dietro il ruscello
Solo perché mi sono allontanata dal marciapiede?
Mi dispiace mamma.
Da' la mia bicicletta a Jimsey anche se il suo sedere
mi faceva schifo.
E cosa c'era per dolce?


Penso a Gerard Manley Hopkins

Penso a Gerard Manley Hopkins e ai sonetti terribili;
e che è solo ora che comincio a capire
cosa stesse facendo. Questa cosa del suo...ritmo interiore,
l'inscape, la "riunificazione attraverso i sensi...la bellezza essenziale."
"L'instress è la presenza di un'energia primaria [Dio]..."
Penso alla vita così breve e solitaria che egli sembrava

aver condotto. Eppure tanti sembrano
aver avuto vite solitarie, ma non ci hanno dato i sonetti terribili.
È il desiderio di conoscere Dio, Dio? Prendiamo coscienza di Dio
o creiamo Dio? Sono arrivata a comprendere
una divinità in termini di opera; che c'è bellezza
grazia trascendenza nei ritmi oscuri e terribili

di quest'uomo eccentrico, Questo ritmo accentato
trocheo (/-), dattilo (//-) sembrava all'inizio
incomprensibile, benché afferrassi il dolore e la bellezza.
Di recente ho provato a scrivere sonetti,
tentando di comprendere
il nostro bisogno di Dio.

Qualcuno direbbe che Dio
ha bisogno di noi. Io direi che nel ritmo -interiore,
in quello che Gerard Manley ci avrebbe fatto capire...
l'inscape e l'instress, ciò che dapprima sembrava
oscuro... "un trocheo accentato...monosillabico," il ‘sonetto accentato'
ora sembra come se il dolore fosse stato trascinato attraverso l'occhio della bellezza.

Ora la vedo anche nella plastica, o nelle lattine di coca cola, o nella cellulite: la bellezza.
Anche se è tutto "annebbiato, imbrattato", vedo Dio,
vedo la ‘freschezza più cara' in quei sonetti
in desolate lande post industriali, parcheggi, il ritmo
di un gatto nero che saltella in quello che sembrava
un fine settimana perduto spinto da una malattia che non riesco a comprendere.

Quello che comprendo
è la bellezza.
E che ciò che dieci anni fa sembrava
importante, chi sembrava importante, non lo è. E che Dio...
la cui comprensione ha per me la stessa importanza che aveva per lui
il ritmo accentato, sposato a Dio, i cui sonetti

sembrano perforare la notte con la loro terribile bellezza, sonetti
che ti danno la voglia di comprendere (perché lui li comprendeva) il metro e la rima;
ed è lui, nella sua breve e solitaria vita, che somigliava a Dio.

 "[lui] è...secondo alcuni il ferito più grave...a essere sopravvissuto" the associated press
Tu, "Il ferito più grave."


I tuoi genitori cancellati "Tutti i nostri risparmi, i conti in banca
sono stati svuotati...i fondi pensione, tutto."
Sei cieco, con lesioni cerebrali, non puoi
parlare, paralizzato dal collo in giù.
Per fortuna tua madre e tuo padre hanno imparato
a girarti ogni quattro ore per evitarti le piaghe.
Hanno lasciato i loro lavori, ri-ri-ipotecato la casa:
te lo avevano detto di non andare?
Hai creduto alla propaganda?
Come avresti potuto sapere tutto il resto?
Sapere di Haditha, Faluga, Abu Ghraib
o forse lo sapevi.
Forse eri un ragazzo che si faceva gli affari suoi, che voleva
essere normale ama il tuo paese
come tutti gli altri come tutti gli altri
Ma tu non sei come tutti gli altri
sbattendo le palpebre senza scopo, loro non sanno
se puoi sentire o ricordare
ma hai una straordinaria volontà di sopravvivere, è da
un po' che vivi in questo stato. Vedi? No, sei cieco,
non vedi la disgrazia, il buco bianco dei batuffoli
imbevuti di alcol, cateteri, clisteri, tubicini, flebo e sacche
in cui hai tirato dentro tutti quelli intorno a te.
E cos'è la caduta di Bagdad in confronto alla tua di caduta, in confronto a te.
Cos'è una ragazzina di quattordici anni perseguitata, stuprata, la sua famiglia:
madre nonna padre sorella di due anni, accoltellati e colpiti da spari:
Uccisi,
poi gettati in acqua, incendiati.
Credo che persino avvolta dal suo burqa
deve esser stata davvero carina. Tette grandi? Ai ragazzi americani piacciono.
Bel viso. L'hanno puntata, etichettata, Hanno aspettato.
Sono tornati il giorno dopo, l'hanno stuprata, hanno spazzato via
la sua famiglia, Li hanno fottuti,
Completamente.
Che ti hanno insegnato sul Viet Nam, l'Agente Arancio,
la Prima Guerra Mondiale, la Seconda, il Ruanda, Jenin, la Palestina, Lumumba
gli Arapaho, gli Shoshoni, i Sioux? Conoscevi Lyndie England
con quel suo leggero aspetto da sottosviluppata?
Hai infilato sassi nell'ano dei nemici,
Attaccato elettrodi ai loro testicoli, hai distribuito dolci
e arance ai bambini?
Stavi solo cercando di dare una mano?
Non ti sei meritato questo per il dono di democrazia che gli hai fatto
cercando di aiutarli ad avere un po' di democrazia, e magari persino un SUV,
evangelismo televisivo su schermo panoramico e obesità.
Questa gente metterà una cintura esplosiva ai propri figli, sono antisemiti.
I ragazzini ammiravano le tue armi, il tuo Hummer, il tuo pene?
Cosa provi, perché hai scelto di restare lì dentro senza speranza? Giocavi a football al college, sognavi di diventare professionista?
No, probabilmente non sei mai andato al college
e hai imparato la storia su Fox News
Cosa ti dicono nomi come Toge Sankichi o Hibakusha?
Hiroshima, Nagasaki, ti suonano?
No? Non mi sorprende, hai solo 22 anni.
Ma sempre più vecchio dei 500.000 bambini morti
per le sanzioni.

 

 

Guarda, non ti conosco ma conosco una ragazza che ovunque vada
ci va a piedi, a volte anche da uno stato all'altro
Piccoli cambiamenti.

Vedo una grande terra, che era verde un tempo, e un uomo sdraiato
con sua madre che cerca di insegnargli, di insegnarti, come inghiottire il purè di mele.

 

 

partners Mercedes-Benz Roma Zetema BNL Unicredit Banca di Roma Monte dei Paschi di Siena